Lombardia vs Lazio, Regioni a confronto

Di: FBAdmin di lunedì 30 aprile 2018 13:22

Le urne hanno decisamente premiato il lavoro delle amministrazioni uscenti. L’intervista doppia agli Assessori al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera e al Turismo e alle Pari Opportunità di Regione Lazio Lorenza Bonaccorsi.

Quali sono i principali successi amministrativi che secondo lei hanno pesato nel determinare la scelta dei cittadini di confermarvi la fiducia?
GALLERA – Il sistema socio sanitario lombardo è un’assoluta eccellenza riconosciuta a livello nazionale e internazionale. Siamo i primi non solo per gli elevati livelli di cura, ma anche per la ricerca applicata alla cura. Nonostante questi risultati importanti non ci siamo fermati e abbiamo continuato a investire in campo sanitario per rendere il sistema sanitario ancora più efficiente e all’avanguardia: 700 milioni di euro solo negli ultimi due anni per l’ammodernamento, l’acquisto di apparecchiature tecnologiche innovative, per offrire ai cittadini le cure migliori.

BONACCORSI – Zingaretti è riuscito ad amministrare il Lazio in questi ultimi 5 anni grazie alla sua capacità di tenere insieme e trovare la sintesi tra le tante anime della sua squadra di governo. La sua forza è stata l’unità, lo spirito di collaborazione che molto spesso ha coinvolto anche la minoranza, riuscendo a trovare sempre le soluzioni più giuste e utili alla comunità. L’uscita dal commissariamento della sanità, la trasparenza dell’amministrazione, il risanamento dei conti, la razionalizzazione della spesa, l’attenzione alla promozione dei territori, sono solo alcuni temi su cui ha ottenuto grandi risultati. In particolare sulla promozione, tema sul quale sono oggi impegnata come assessore al Turismo, potrei dire che è stato costruito un progetto solido basato su un’offerta integrata delle bellezze del Lazio che vanno dai borghi fino all’enogastronomia. Da qui intendo ripartire.

Qual è il suo primo obiettivo da Assessore?
GALLERA – Sicuramente dare piena attuazione alla riforma del sistema sociosanitario lombardo e alla presa in carico di 3,3 milioni di pazienti cronici. Sono molto orgoglioso di aver contribuito in maniera concreta a migliorare la qualità della vita dei miei concittadini. Un grande impegno che porterò a termine nei prossimi anni. Uno dei primissimi provvedimenti messi in campo con la nuova legislatura è proprio lo stanziamento di 103 milioni di euro di risorse del fondo straordinario per l’edilizia sanitaria di Regione Lombardia per il potenziamento delle sue strutture sanitarie nell’ottica della completa attuazione della riforma socio-sanitaria.

BONACCORSI – Le questioni aperte su cui lavorare sono state elencate con chiarezza da Zingaretti già dal suo discorso di apertura del primo Consiglio. Dieci missioni prioritarie da affrontare subito: dal piano rifiuti, alla realizzazione degli investimenti finanziari per le infrastrutture, la sanità, e non da ultimo il piano triennale del turismo 2018 – 2020.

Assessore, quali sono i suoi punti programmatici nel corso della prossima legislatura?
GALLERA – Come primo provvedimento in Giunta abbiamo approvato il dimezzamento del ticket sanitario. Continuerò a lavorare con estrema determinazione all’attuazione della riforma sanitaria anche attraverso il confronto continuo con i medici generale. Altri temi prioritari in agenda sono la gestione dei pronto soccorso, le liste di attesa, il rafforzamento della neuropsichiatria infantile e della prevenzione e cura delle dipendenze che rappresentano una priorità ed emergenza sociale su cui vogliamo lavorare molto.

BONACCORSI – Oltre al rinnovo del piano triennale del turismo 2018-2020 che ho già sottolineato, i principali nodi da sciogliere su cui siamo già al lavoro sono il riordino del sistema di controllo e delle sanzioni amministrative sugli abusi delle attività ricettive, la revisione della legge13/2007 per recepire le novità di questi ultimi anni, quali il convention bureau, l’attuazione della legge regionale sulla rete dei Cammini. La strategia di fondo è quella di lavorare per un turismo di tipo sostenibile, in maniera partecipata e coinvolgendo gli amministratori, le associazioni di categoria e i cittadini. Entro il prossimo mese organizzeremo gli Stati Generali del turismo in tutte le province della nostra regione per costruire dal basso le linee guida del piano strategico triennale del turismo. Dobbiamo creare un sistema che sia capace di offrire qualità e benessere non soltanto ai viaggiatori ma anche alle popolazioni locali e ai territori. Un turismo che crei opportunità per il futuro, che sia uno dei pilastri di sviluppo economico del sistema regionale.

Quello di garantire i diritti di tutte e di tutti è al centro del mio impegno per le Pari Opportunità con le azioni di contrasto alla violenza di genere e il rafforzamento della rete di servizi sociali, dai consultorio ai centri antiviolenza, alle case rifugio, ai reparti maternità, a tutto ciò che salvaguarda i diritti delle donne. Dobbiamo ancora di più rafforzare i percorsi di sensibilizzazione con l’istituzione della rete delle scuole contro la Violenza e Lavoreremo anche in Giunta per varare il bilancio di genere della regione Lazio, su cui ci impegneremo già dai prossimi mesi. Dobbiamo far partire l’osservatorio regionale contro le discriminazioni legate all’orientamento sessuale o dall’identità di genere. Insomma c’è un grande lavoro da fare: la delega alle pari opportunità è una grande sfida per la nostra giunta e una grande responsabilità per me.

a cura di FBLab

******************

Lombardia e Lazio: il confronto social tra le presidenze

Per conoscere meglio i Presidenti di due delle regioni più importanti del nostro Paese, i nostri partner di MR&Associati hanno analizzato i loro profili social, comparando il periodo della campagna elettorale e quello post voto.
Continua a leggere>>

 

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato sulle nostre attività

Se desideri disiscriverti dalla Newsletter clicca qui

Disclaimer Privacy

I dati che ci fornirà liberamente sono utilizzati da FB&Associati solo a fini informativi , anche con strumenti informatici, e non saranno comunicati a terzi Lei può in ogni momento accedere ai dati, ottenere di non ricevere più materiale di propaganda, opporsi al trattamento dei dati o chiedere di integrarli, rettificarli, ecc., rivolgendosi a FB&Associati. Provvedimento n. 128 del 7 aprile 2011 Garante protezione dati personali.