I temi della legislatura: M5S vs PD

Di: FBAdmin di martedì 30 gennaio 2018 17:20

Durante il loro mandato, i parlamentari producono una gran quantità di atti, nei quali esprimono liberamente i loro interessi e le loro battaglie politiche. Una gigantesca mole di testi, presentati e firmati da uno o più parlamentari in modo per lo più svincolato dalle direttive del proprio gruppo di appartenenza. Un vero e proprio pozzo di informazioni che FBLab utilizza da anni nella produzione dei suoi documenti, ma che diventa a maggior ragione interessante in campagna elettorale, quando i rappresentanti tornano dagli elettori per rivendicare quanto fatto e trasformarlo in nuovo consenso.

Una questione importante per gli elettori, ma soprattutto per i settori produttivi, è certamente capire quanto i parlamentari siano focalizzati sulle tematiche, e l’analisi semantica dei testi da loro presentati è certamente un indicatore utile per ottenere queste informazioni. Molte informazioni si ricavano, ad esempio, dall’attività ispettiva dei singoli parlamentari su ciascuna tematica specifica e dalla valutazione della coerenza co la loro attività social. FBLab, con i suoi partner di MR&Associati, sta producendo un’analisi articolata di questo universo, da mettere a disposizione dei suoi clienti nel corso di questa campagna elettorale.

Tuttavia, molte cose interessanti emergono anche dai semplici dati aggregati. Ad esempio, abbiamo analizzato semanticamente gli atti ispettivi (sono oltre 50.000 solo gli atti di controllo presentati nella XVII Legislatura), concentrandoci su 8 tematiche, per capire quanto e come di esse si sono occupati i due principali gruppi parlamentari della legislatura: il M5S e il PD.

Il risultato dell’esame, limitato alla sola Camera dei Deputati, è riportato nella figura in pagina, e già consente di fare qualche riflessione.

Per spiegare come debbano essere letti o dati rappresentati prendiamo a titolo esemplificativo la tematica “Agroalimentare“: gli istogrammi mostrano la percentuale di atti che risultano associati alla tematica in questione tra tutti quelli firmati (come primo firmatario) dai componenti del PD, del M5S e della Camera nel suo complesso. Le colonne “I” rappresentano l’interesse medio del gruppo nel suo complesso. Le colonne “IC” rappresentano l’interesse medio dei componenti del gruppo che siedono nella Commissione competente sulla materia. Le colonne “T” la differenza tra i due valori, e dunque la propensione dei gruppi a “tematizzare” la propria attività nelle varie commissioni.Cosa emerge, ad esempio, sul tema Agroalimentare? I deputati nel loro complesso si occupano di agroalimentare nel 9% dei loro atti. Quelli in Commissione Agricoltura se ne occupano per il 30%. Uno scarto medio di 21 punti percentuali che però non è omogeneo nei sottoinsiemi corrispondenti ai due gruppi parlamentari da noi esaminati. Nel PD lo scarto è di 22 punti, più o meno in media con quello complessivo della Camera, mentre per il M5S lo scarto è molto maggiore, di 32 punti percentuali.

Non si tratta di un dato isolato: tra le materie che abbiamo individuato, il M5S ha uno scarto superiore al PD in 7 casi su 8 (l’unica eccezione è la Giustizia). In alcuni casi, lo scarto è davvero notevole, in particolare Agroalimentare (10 punti di scarto) e Ambiente (addirittura 20 punti di scarto).

Da questi dati emerge dunque già qualcosa: si può dire che in questi primi cinque anni di esperienza i deputati del Movimento hanno concentrato più degli altri la loro attività sulle tematiche di competenza della loro Commissione di appartenenza, privilegiando esse rispetto a quelle di spettro più generale. Un’attitudine certamente virtuosa: da far presente agli operatori del settore, ma anche ai semplici cittadini.

Ed è solo un piccolo estratto di quanto FBLab può fare grazie all’analisi semantica degli atti parlamentari.
 a cura di FBLab

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato sulle nostre attività

Se desideri disiscriverti dalla Newsletter clicca qui

Disclaimer Privacy

I dati che ci fornirà liberamente sono utilizzati da FB&Associati solo a fini informativi , anche con strumenti informatici, e non saranno comunicati a terzi Lei può in ogni momento accedere ai dati, ottenere di non ricevere più materiale di propaganda, opporsi al trattamento dei dati o chiedere di integrarli, rettificarli, ecc., rivolgendosi a FB&Associati. Provvedimento n. 128 del 7 aprile 2011 Garante protezione dati personali.