Blockchain e AI, verso una strategia nazionale

Di: FbLab FB&Associati di mercoledì 13 febbraio 2019 16:12

Anche l’Italia avrà una sua Strategia nazionale e coordinata in materia di Blockchain e Intelligenza Artificiale. FB&Associati, attraverso il proprio Centro Studi FBLab, ne sta seguendo l’evoluzione da vicino, partecipando alle riunioni d’insediamento dei gruppi di esperti sull’intelligenza artificiale e sui registri distribuiti e blockchain che nei prossimi mesi lavoreranno a una Strategia nazionale per l’IA e la Blockchain.

Ai tavoli di lavoro hanno preso parte, tra gli altri, il Sottosegretario al Mise AndreaCioffi, Marco Bellezza, Consigliere giuridico per l’Innovazione del Vicepremier Luigi Di Maio, Stefano Firpo (DG Direzione generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese).

Con riferimento all’Intelligenza Artificiale, il Sottosegretario Cioffi ha dichiarato che il Mise ha a disposizione 45mln di euro nel triennio per mettere a punto dei bandi; si sta poi mettendo poi in campo un secondo fondo pari a 50mln di euro per il 2019 dedicato all’innovazione e volto a realizzare data center.

Dal tavolo di lavoro è emerso che l’Unione Europea ha costruito nell’ultimo anno un cappello generale, ma dà totale libertà ai paesi di integrare la loro strategia all’interno di quest’infrastruttura semantica.

A tal proposito, l’UE ha già emanato un Piano d’Azione Coordinato basato, tra l’altro, sui seguenti punti:
– Tema degli investimenti
– Rispondere alle sfide socio-economiche per valorizzare il capitale umano
 – Tema delle competenze
– Tema dei dati

L’obiettivo della Commissione UE è di arrivare a 20mld di investimenti in IA a partire dal 2021.

Le azioni su cui l’UE invita i singoli Paesi a lavorare sono:

– Elaborare una Strategia nazionale

– Lavorare a partenariati pubblico-privato
– Sviluppo e coordinamento dei centri di ricerca

L’Italia ha già iniziato ad offrire un contributo all’UE su tali temi.

Nel corso del tavolo di lavoro è emerso che l’IA ha bisogno di infrastrutture, di un ecosistema, di dati. Occorre chiedersi cosa l’IA possa fare per l’Italia e come l’IA possa aiutare la produttività nelle micro-imprese ancor più che nelle PMI. Occorre una strategia che aiuti l’UE a giocare un ruolo di primo piano a livello globale.

La competizione con Usa e Cina deve essere per l’Italia una sfida. L’UE non può imporre all’Italia le sue indicazioni, ma occorre lavorare in sinergia: per questo, l’Italia non solo sarà seduta ai tavoli a livello europeo, ma sarà allo stesso livello degli altri competitor.

Con riferimento alla Blockchain, dal tavolo di lavoro è emerso che con l’UE Blockchain Partnership l’Italia è entrata su questi temi anche a livello europeo. A tal proposito, Bellezza ha osservato come il nostro sia il primo paese europeo che prova a lanciare un progetto in tema di blockchain. L’UE Blockchain Partnership è per l’Italia un’ottima opportunità, un’iniziativa utile in termini di formazione e assunzione di consapevolezza.

L’idea di una Strategia nazionale per l’IA e la Blockchain è senz’altro ambiziosa, è un processo che va costruito gradualmente e che vedrà nei prossimi mesi impegnati i tavoli di lavoro costituiti al Mise.

a cura di FBLab

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato sulle nostre attività

Se desideri disiscriverti dalla Newsletter clicca qui

Disclaimer Privacy

I dati che ci fornirà liberamente sono utilizzati da FB&Associati solo a fini informativi , anche con strumenti informatici, e non saranno comunicati a terzi Lei può in ogni momento accedere ai dati, ottenere di non ricevere più materiale di propaganda, opporsi al trattamento dei dati o chiedere di integrarli, rettificarli, ecc., rivolgendosi a FB&Associati. Provvedimento n. 128 del 7 aprile 2011 Garante protezione dati personali.