L’Italia e la Nuova Via della Seta, il Doc FBLab

Di: FBAdmin di mercoledì 20 marzo 2019 10:08

Con il presente lavoro si intende esaminare il progetto della Nuova via della Seta, i contenuti dell’intesa in discussione con l’Italia e le principali criticità rappresentate sul tema a livello politico nazionale e internazionale. Attraverso l’esame degli atti di sindacato ispettivo riferiti alla Cina, si intende quindi restituire la percezione del paese da parte dei parlamentari italiani. A dispetto dell’ascesa globale del Regno di Mezzo nel discorso pubblico italiano permane, infatti, una visione piuttosto stereotipata del paese.

Volendo stimare come, in che misura e con quale logica, la Cina suscita l’attenzione parlamentare sono stati dapprima esaminati e poi classificati gli atti di Sindacato Ispettivo (mozioni, risoluzioni, interrogazioni, interpellanze, etc) in materia, prodotti da Camera e Senato nell’intera XVII legislatura (marzo 2013 – marzo 2018) e nei primi undici mesi della XVIII legislatura (marzo 2018 – gennaio 2019). I dati raccolti vengono, quindi, illustrati per macro-aree di interesse, compresa la Nuova via della Seta, e raggruppati per forze politiche (Movimento 5 Stelle, Lega, Partito democratico, Forza Italia e Fratelli d’Italia). 

Consulta il Dossier a cura di FBLab
L’Italia e la Nuova Via della Seta
Italy and the New Silk Road

Nota Metodologica
Cosa sono gli atti di sindacato ispettivo?

L’analisi del Centro Studi ripresa dalla stampa:
Repubblica, 19 marzo 2019
Affari Italiani, 19 marzo 2019
Milano Finanza, 20 marzo 2019
Coffe Break (La7), 20 marzo 2019
Radio Radicale, 22 marzo 2019
Sky Tg24 Pomeriggio, 22 marzo 2019

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato sulle nostre attività

Se desideri disiscriverti dalla Newsletter clicca qui

Disclaimer Privacy

I dati che ci fornirà liberamente sono utilizzati da FB&Associati solo a fini informativi , anche con strumenti informatici, e non saranno comunicati a terzi Lei può in ogni momento accedere ai dati, ottenere di non ricevere più materiale di propaganda, opporsi al trattamento dei dati o chiedere di integrarli, rettificarli, ecc., rivolgendosi a FB&Associati. Provvedimento n. 128 del 7 aprile 2011 Garante protezione dati personali.